Una scelta di qualità ecologica

Nonostante l’introduzione di tanti materiali all’avanguardia nel settore dell’arredo, il legno rimane uno dei maggiori protagonisti forse proprio per la sua naturale capacità di trasmettere piacevoli sensazioni in qualsiasi contesto lo si collochi. Accanto a questo dato di fatto, si sta affermando una tendenza sempre più decisa, cioè quella di recuperare il legno e trasformarlo in oggetti d’arredo unici. Marchi Cucine abbraccia questa filosofia utilizzando il legno di recupero nella realizzazione di cucine componibili ecofriendly che hanno, proprio per la loro origine, un look unico, che si rispecchia a pieno nei due modelli Lab 40 e Brera 76.

Una scelta di qualità ecologica

Nonostante l’introduzione di tanti materiali all’avanguardia nel settore dell’arredo, il legno rimane uno dei maggiori protagonisti forse proprio per la sua naturale capacità di trasmettere piacevoli sensazioni in qualsiasi contesto lo si collochi. Accanto a questo dato di fatto, si sta affermando una tendenza sempre più decisa, cioè quella di recuperare il legno e trasformarlo in oggetti d’arredo unici. Marchi Cucine abbraccia questa filosofia utilizzando il legno di recupero nella realizzazione di cucine componibili ecofriendly che hanno, proprio per la loro origine, un look unico, che si rispecchia a pieno nei due modelli Lab 40 e Brera 76.

Una filosofia produttiva all’insegna della concreta attenzione per l’ambiente

Recuperare il legno da baite di montagna e antichi casolari significa per Marchi Cucine creare una linea di cucine componibili senza tagliare un solo albero, aiutare l’ambiente coniugando produttività e sostenibilità. Il legno infatti è una risorsa che può essere rinnovata ma non è infinita.

Vuol dire anche non fermarsi nella sperimentazione stilistica, ma esplorare nuove aree di gusto, venendo incontro a esigenze di un pubblico sempre più attento ai processi produttivi capaci di ridurre gli sprechi, sfruttando un legname che altrimenti non sarebbe impiegato. Ecco come nascono i nostri modelli con legno di recupero Lab 40 e la nuova cucina componibile contemporanea Brera 76.

Una filosofia produttiva all’insegna della concreta attenzione per l’ambiente

Recuperare il legno da baite di montagna e antichi casolari significa per Marchi Cucine creare una linea di cucine componibili senza tagliare un solo albero, aiutare l’ambiente coniugando produttività e sostenibilità. Il legno infatti è una risorsa che può essere rinnovata ma non è infinita.

Vuol dire anche non fermarsi nella sperimentazione stilistica, ma esplorare nuove aree di gusto, venendo incontro a esigenze di un pubblico sempre più attento ai processi produttivi capaci di ridurre gli sprechi, sfruttando un legname che altrimenti non sarebbe impiegato. Ecco come nascono i nostri modelli con legno di recupero Lab 40 e la nuova cucina componibile contemporanea Brera 76.

Una filosofia produttiva all’insegna della concreta attenzione per l’ambiente

Recuperare il legno da baite di montagna e antichi casolari significa per Marchi Cucine creare una linea di cucine componibili senza tagliare un solo albero, aiutare l’ambiente coniugando produttività e sostenibilità. Il legno infatti è una risorsa che può essere rinnovata ma non è infinita.

Vuol dire anche non fermarsi nella sperimentazione stilistica, ma esplorare nuove aree di gusto, venendo incontro a esigenze di un pubblico sempre più attento ai processi produttivi capaci di ridurre gli sprechi, sfruttando un legname che altrimenti non sarebbe impiegato. Ecco come nascono i nostri modelli con legno di recupero Lab 40 e la nuova cucina componibile contemporanea Brera 76.

Ma come si svolge la produzione
di una cucina ecosostenibile?

Ma come si svolge la produzione
di una cucina ecosostenibile?

Dopo una prima fase in cui il legname viene esaminato da operai specializzati per eliminare le impurità, ogni pezzo viene analizzato con il metal detector al fine di individuare anche il più piccolo residuo metallico.

La produzione è affidata poi alle mani di esperti artigiani che grazie alle loro raffinate tecniche ebanistiche riescono a esaltare le superfici e creare cucine in legno originali e capaci di evocare atmosfere speciali. Il legno riciclato acquista così una nuova vita e la materia prende forma.

fasi lavorazione cucine ecologiche
fasi lavorazione cucine ecologiche

Una produzione attenta all’impatto ecologico anche adottando processi di verniciatura all’avanguardia a tutela dell’ambiente. Per evidenziare la naturalità delle superfici, il legno viene proposto solo con finiture a cera.

Ovviamente Marchi Cucine investe anche in innovazione: se è la mano dell’uomo a creare mobili che sono dei veri pezzi unici, sono i macchinari all’avanguardia a garantire processi produttivi competitivi e l’eccellenza tipica del Made in Italy.

Dopo una prima fase in cui il legname viene esaminato da operai specializzati per eliminare le impurità, ogni pezzo viene analizzato con il metal detector al fine di individuare anche il più piccolo residuo metallico.

La produzione è affidata poi alle mani di esperti artigiani che grazie alle loro raffinate tecniche ebanistiche riescono a esaltare le superfici e creare cucine in legno originali e capaci di evocare atmosfere speciali. Il legno riciclato acquista così una nuova vita e la materia prende forma.

fasi lavorazione cucine ecologiche
fasi lavorazione cucine ecologiche

Una produzione attenta all’impatto ecologico anche adottando processi di verniciatura all’avanguardia a tutela dell’ambiente. Per evidenziare la naturalità delle superfici, il legno viene proposto solo con finiture a cera.

Ovviamente Marchi Cucine investe anche in innovazione: se è la mano dell’uomo a creare mobili che sono dei veri pezzi unici, sono i macchinari all’avanguardia a garantire processi produttivi competitivi e l’eccellenza tipica del Made in Italy.

fasi lavorazione cucine ecologiche

Dopo una prima fase in cui il legname viene esaminato da operai specializzati per eliminare le impurità, ogni pezzo viene analizzato con il metal detector al fine di individuare anche il più piccolo residuo metallico.

La produzione è affidata poi alle mani di esperti artigiani che grazie alle loro raffinate tecniche ebanistiche riescono a esaltare le superfici e creare cucine in legno originali e capaci di evocare atmosfere speciali. Il legno riciclato acquista così una nuova vita e la materia prende forma.

fasi lavorazione cucine ecologiche

Una produzione attenta all’impatto ecologico anche adottando processi di verniciatura all’avanguardia a tutela dell’ambiente. Per evidenziare la naturalità delle superfici, il legno viene proposto solo con finiture a cera.

Ovviamente Marchi Cucine investe anche in innovazione: se è la mano dell’uomo a creare mobili che sono dei veri pezzi unici, sono i macchinari all’avanguardia a garantire processi produttivi competitivi e l’eccellenza tipica del Made in Italy.

Dove i segni del tempo rappresentano un valore aggiunto.

Cucine componibili concepite per trasformarsi nel cuore di tutta la casa, rappresentano il connubio di un materiale che porta con sé la storia di quello che è stato ma è pronto a reinventarsi creativamente attraverso i progetti dei nostri designers.

Nel modello Lab40 si apprezza l’utilizzo del legno di recupero nelle ante e in particolari pensili, in elementi free standing e in alcuni piani di lavoro. Il design di questi modelli si allontana dal minimalismo imperante di certe collezioni, trasformandosi in un segno emozionale dove le naturali imperfezioni diventano caratteristiche estetiche. Alle venature si aggiungono infatti i decori che il tempo, l’acqua e il sole hanno disegnato, creando texture dal forte impatto che danno carattere a qualsiasi interno.

Scopri i nostri modelli Lab 40 e Brera 76!

Scrivici o vieni a trovarci nel rivenditore più vicino.
Uno dei nostri specialisti sarà pronto a fornirti tutte le informazioni che desideri.

Autore: Sabrina Bacchi